Archive for the ‘ Performance ’ Category

L’ho recentemente scoperto…

…lo sapevate che i volumi NTFS con la formattazione di default di norma hanno un limite di 2 TByte?
La formuletta semplice è dmax = 2^32*cluster – 1 , se la dimensione del cluster è quella predefinita ovvero 512 la cifra mostra un limite fisico di 2 TByte.
Questo che sia RAID o altro non importa, parlo genericamente di un volume formattato NTFS, volendo per aumentare questo limite dovreste modificare in formattazione la dimensione dell’unità di alllocazione, portandola a 1024 (dmax = 4 TB) o oltre.

CACTI su Ubuntu 8.04 Server – prove su localhost

Ho installato cacti (0.8.7b, pacchetti ufficiali ubuntu) ormai da qualche settimana su Ubuntu (8.04).
Il tutto è piuttosto semplice soprattutto se avete già installato apache+mysql+php, seguento il tutorial ufficiale, che vi consiglio caldamento, ad usarlo non sbagliate.

Per installare cacti invece dovete digitare questo:
sudo apt-get install snmp snmpd cacti

Una scemenza, soprattutto perchè i next steps sono l’autoconfigurazione di CACTI da fare via browser, per accedervi digitate nell’indirizzo l’ip del vostro server (o localhost se state facendo una prova in locale ed avete la GUI) ed aggiungere “/cacti“. Seguite le istruzioni, a me il default è uscito perfetto.

E qui sono finite le cose facili 😀
Continua a leggere

Capita di svaccare

A volte, è possibile sbagliare con le misure, soprattutto quando alcune cifre sono più nominali che effettive di altre. Come è successo giusto questo weekend.

Partendo dalle origini: avevo un problema di trasferimento dati sulla rete wireless, io non la uso mai, i miei genitori e tutti gli eventuali ospiti si poichè è l’unico modo che avevo per portargli la connettività di rete da un capo all’altro della casa sul PC che è a libero uso e consumo. I miei pc non si toccano, è un principio, quello che uso per lavoro è “riservato” alle mie esigenze ed il lavoro, quello da “gioco” idem, quindi è poppato tempo fa uhn terzo pc posizionato nello “studio”. Non c’era speranza per i cavi poichè spazio nei tubi ce ne è poco, avrei dovuto usare 50 metri di cavi schermati per 6 metri in linea d’aria, così tempo fa ho sfruttato un buco nel muro per far passare un cavo di rete in sala, piazzarci un AP discreto (Netgear WG102) che speravo riuscisse a portare il segnale in studio (di mezzo c’è un bagno di ostacolo).
Continua a leggere

3 giorni…

…il tempo necessario a capire le basi di CACTI. Ecco perchè in questi giorni non ho neanche scritto una riga -utile- sul blog (oltre che per altri casini 😛 )
E non credo di averle capite proprio benissimo (le basi, intendo), ma già diventa ogni giro più facile fare un grafico.
Le guide che ho trovato sono per buona parte incomplete, non tanto per l’installazione (veramente disarmante la facilità su Ubuntu), quanto proprio per le basi, confusione a volte tra le versioni a mai abbastanza esplicative per uno che comincia da zero con il prodotto, quando proprio incomplete.

Rimane un ottimo prodotto, ma la learning curve è veramente duretta. Prossimamente vedrò di fare un paio di post per guidare nei primi passi, senza andare nell’esageratamente tecnico, ma solo per guidare al “primo grafico”.

Smanettando con SSH finisco col guardare CACTI…

…come mio solito parto da un punto ben preciso, e per sfizio finisco in un altro a caso, così con sul mio mitico server casalingo finisco con lo smanetare su CACTI. Veramente notevole cmq 😀
Più avanti magari metto giù due righe a riguardo.

BTG – demone Torrent

E’ il cruccio dei prossimi giorni, è in piedi ma pare non si pigli i parametri a dovere… mo vediamo.
Oltre che non ho ben capito come fungano le “sessioni”…ma vabbeh 🙂

Chi troppo vuole nulla stringe…

Dopo aver installato la versione server della 8.04 sul vecchio laptop non mi è riuscito di abbassare la frequenza del processore, usando come governor “ondemand” rimane sempre su “performance” al massimo dei giri.
Sospetto la complicità dell’alimentatore e forse anche di powernowd, probabilmente devo lavorare sul /etc/cpufreq.conf, mi servirà un’altra mezza giornata di lavoro per ottimizzare 🙂
Cmq un serie di tool interessanti che ritengo indispensabili per un home server “casalingo” (di quelli che ci si tiene in camera 😛 ):

sudo apt-get install cpufrequtils laptop-mode-tools powertop lm-sensors hddtemp htop

Importante, i laptop-mode-tools servono principalmente per diminuire le richieste energetiche di un sistema “laptop” aumentando conseguentemente la durata della batteria, il loro funzionamento (che in parte è un serie di settings del sistema) è attivato e disattivato tramite un demone che rileva quando viene collegato l’alimentatore e attiva o meno le impostazioni, OVVIAMENTE su un fisso dovrete lavorare in modo diverso se volete utilizzarli.