Postfix (+chincaglierie) su Ubuntu 8.04

Per “chincaglierie” intendo le indispensabili vaccate per un server di posta, quindi antispam, antivirus, anticulo etc..
Ma non la scrivo io la guida, a quanto pare per una volta ho trovato una guida completa che dà un’ottima base sulla quale cominciare, al meglio funziona anche su un macchine virtuali, ci sono un paio di errori ma nulla di eccezionalmente grave, ve li segnalerò.
Ah, non scordatevi che una connessionie ad internet è necessaria quantomeno per l’installazione.

La macchina virtuale
Ho usato come base una Ubuntu server 8.04 (jeos), ma non l’ho creata io, in realtà ci sono dei gentili omini nella rete che periodicamente pubblicano vari OS in vari formati, io mi sono limitato a farne una “master image” per mio uso e consumo clonandomela in esigenza. Non ho aggiunto molto, solo aggiornato una volta scaricata. La scelta della 8.04 è ovvia, se davvero mai voleste mettere su un server in produzione è l’unica scelta sensata tra le release, poichè è LTS (Long Term Support), ed effettivamente è considerata parecchio stabile come release. Le macchine virtuali personalmente uso le trovate qui (ce ne sono molte altre, dateci un occhio potreste trovare roba interessante), ma non è l’unico.

Postfix
E qui si parla di postfix, courier, amavis, spamassassin, pop3, imap, webmail. La guida è stata scritta dal buon Falko Timme, ne ha fatte parecchie e parecchio valide (presenti su howtoforge), ma quella linkata contiene alcune imprecisioni che vi elencherò:
– usa l’account di root utilizzando il comando “sudo su”, questo comando è disponibile ma l’uso è da considerarsi deprecato, il modo corretto per accedere come root su ubuntu (per evitare di ripetere il comando “sudo” ogni 2 secondi) è questo: sudo -i
– in alternativa a quanto elencato sopra, il prefisso “sudo” dove serve funziona perfettamente
– nella parte 2, quando elenca i pacchetti da installare viene incluso postfix-tls, questo package NON esiste più in quanto compreso nel package principale di postfix, quindi toglietelo dai pacchetti da installare (altrimenti non và avanti 🙂 )
– nella parte 3, prima di ricompilare postfix vi chiederà di installare alcuni pacchetti, se usate l’immagine vmware da me fornita la compilazione probabilmente andrà in erorre, dovrete installare il pacchetto aggiuntivo groff-base
– alla fine della parte 3 avrete sostituito il package standard di postfix con uno ricompilato da voi comprendente la gestione “quota”, nulla di complesso o errato, solo che ciò che non vi dice è che se per caso fate un aggiornamento con apt-get upgrade (o superiore) vi reinstallerà il package standard da repository e non il vostro, quindi dopo quello step niente upgrade ai pacchetti solo installazioni o rimozioni 🙂

Buon divertimento!

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: