Cambiare l’HOSTNAME da linea di comando

Lavorando con la macchine clonate questa è un’operazione che mi è divenuta piuttosto comune, soprattutto perchè avviare X solo per fare quello è abbastanza inutile. Quindi per farlo ci sono due sistemi non ridondanti, per il semplice motivo che uno è un sistema “a caldo” e temporaneo, mentre l’altro è “freddo” e richiede un riavvio per essere permanente. Personalmente ho eseguito più volte entrambi in contemporanea, poichè è un’operazione che devo fare per spawnare le macchine clonate dall’immagine master che uso.

Il primo sistema a caldo è piuttosto semplice:

$ sudo hostname NUOVOHOSTNAME

Ho usato sudo, perchè da altri post sapete che mi piace smanettare su Ubuntu Server, in quanto necessità dei privilegi di root per cambiare l’hostname, non per restituirlo, man hostname per ulteriori e divertenti giochetti zozzi. In questo modo cambierete l’hostname per la sessione in corso, a caldo. Al prossimo riavvio picche.

Per rendere la cosa permanente c’è un sistema molto semplice (che vale solo per le Debian Based), ovvero editare il file /etc/hostname . Il file contiene solo il nome della macchina, e viene letto all’avvio del computer. Non stò a sprecarmi di scrivere sudo nano etc…

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: