Terribile decisione: MonoDevelop! (excursus sugli IDE in Linux)

Non amo Mono, per motivi puramente etici, e normalmente non dò chanche alle applicazioni mono-based, non perchè credo siano inefficienti (e potrebbero esserlo), ma perchè trovo sbagliato su quello su cui si è puntato. L’idea di un framework è buona, M$ non è stata la prima a farlo (vi ricordate Java? beh quello è stato ed è il primo framework presentatosi sul mercato, ed era pure multipiattaforma), ma diciamo che è colei che ha avuto la forza di imporlo sul mercato (e su questo non si discute), senza dare molte possibilità di scelta, e vista l’attuale politica M$ adottare compatibilità per facilitare applicazioni Windows (chiuse) su Linux non è il modo in cui mi piace partecipare nell’attuale scenario del software…ma non vado oltre. In questi giorni ho attentamente valutato molti IDE di sviluppo (si non l’ho scritto nell’about, ma agli albori ero un programmatore, non di grandi qualità ma ho sempre cercato di fare il mio porco lavoro), con l’idea fissa delle GTK/Gnome, e un occhio di riguardo a Python (ma non solo). Tristezza e sconforto mi ha preso…

La situazione è a dir poco disastrosa, ce ne sono, ma tutti sembrano soffrire dell stesso problema: il RAD (Rapid Application Development). Nel bene o nel male il RAD è il sistema di sviluppo consumistico e della massa, ed è un modo indegno di fare programmazione, ma ottimo per piccole utility da scopi limitati e casalinghe, e accessibili anche ad un neofita. Il problema è che nessuna degli IDE fino ad oggi che io abbia visto centri questo obbiettivo. Il problema principale stà nell’integrazione tra lo sviluppo della GUI e il reale linguaggio di programmazione che si vuole utilizzare. Principalmente si parla sempre di C/C++, un pochetto di Python/Ruby, e per il resto ci si può mettere il cuore in pace, nulla di usabile per un utente che ci si vuole avvicinare nel tmepo libero senza sputare l’anima diversi mesi per fare qualcosa di gradevole all’occhio.

Se prendiamo invece gli IDE per C/C++ andiamo direttamente fuori argomento, si parla di RAD, e possibilità per neofiti, il C è un linguaggio che chiede anni per sviluppare con le GUI e programmare decentemente, è un linguaggio ostico e per nulla intuitivo a chi si avvicina alla programazione, certo è un’ottimo linguaggio, e se avete esperienza non vi costa fare un applicativo in ottica RAD, ma non è l’ideale per partire da 0.

Nell’ambito Python/Ruby ci salviamo col linguaggio, ma per GTK/Gnome non c’è un IDE serio e che integri lo sviluppo della GUI in modo realmente RAD, si tratta di inserire un oggetto in un form e poi scrivere/modificare le proprietà dell’oggetto…assurdo, certe cose devono essere fatte graficamente, se le devo rifare datastiera non mi cambia nulla dallo scrivere direttamente il codice della classe a manina, mi scrive la sintassi ma non mi da un contenuto di default usabile (in pratica ciò che doveva essere rapid non lo è più), e in questo glade e tuti i suoi sottoderivati/omologhi non sono all’altezza.

La tristezza infinita è poi che se ci si avvicina all’ambiente Qt/KDE, si trovano progetti molto più maturi (hanno anche loro dei difetti eh!). Così mi sono arreso ad installare MonoDevelop, per dargli un occhiata. Ancora non l’ho avviato, pertanto niente recensione ora…ma è nei ToDo!

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: